Banner OpenAccess

Perceval, l’uomo del Peir: una nota etimologica

Sciancalepore A.
Articolo Immagine
ISSN:
1722-7097
Rivista:
Quaderni Di Filologia Romanza
Anno:
2014
Numero:
22
Fascicolo:
Quaderni Di Filologia Romanza N. 22/2014

Acquisto digitale

Acquista:

€ 14.00

Il presente articolo indaga il nome Perceval e il suo rapporto con l’oggetto graal nelle opere francesi, nel Parzival e nell’antico-gallese Peredur. Attraverso un’analisi comparativa, l’autore evidenzia le somiglianze morfologiche tra il graal e il Peir Dadeni della tradizione gallese, e discute la possibile derivazione di entrambi dal calderone caratteristico della civiltà neolitica del Vaso Campaniforme. Alla luce di questa analisi, si propone una nuova etimologia del nome di Perceval. Parole chiave: Perceval - Peredur - Vaso Campaniforme - Peir Dadeni - calderone - Graal - Paradigma della Continuità Paleolitica.

This article investigates the name Perceval and its relation with the grail object in French romances, in Parzival and in the Welsh Peredur. By means of a comparative analysis, the author highlights the morphological similarities between the grail and the Peir Dadeni of the Welsh tradition, and argues that they may both stem from the cauldron of the Neolithic Bell Beaker culture. According to this interpretation, the author suggests a new etymology of the name Perceval. Keywords: Perceval - Peredur - Bell Beaker - Peir Dadeni - cauldron - Grail - Paleolithic Continuity Paradigm.