Banner OpenAccess

Niccolò Granucci. La piacevol notte e 'l lieto giorno

Introduzione, edizione e commento a cura di
Palma Flavia (curatore)
Niccolò Granucci. La piacevol notte e 'l lieto giorno
ISBN/EAN: 9788855535465
Pubblicazione: 2022
Pagine: 384
Formato: 15 x 21
Acquisto carta

Quantità:

Niccolò Granucci. La piacevol notte e 'l lieto giorno

Niccolò Granucci (1521-1603) rappresenta un tassello interessante, sebbene poco studiato, della storia della novellistica cinquecentesca. Tra le sue opere letterarie, soggette al fascino di Giovanni Boccaccio, particolarmente signifi­cativa è La piacevol notte e ’l lieto giorno, pubblicata a Venezia nel 1574. Flavia Palma ne offre la prima edizione critica, corredata da un’ampia introduzione e da un dettagliato commento, volti a illustrare e contestualizzare le peculiarità della raccolta in relazione tanto al genere novella quanto alla tradizione letteraria coeva. Oltre a fornire un testo ­ filologicamente attendibile, la studiosa ne mette in luce le af­finità e le divergenze rispetto al modello decameroniano e alla novellistica cinquecentesca; illustra la natura combinatoria della scrittura granucciana, contestualizzando i legami con il teatro e con il trattato in forma di dialogo; propone uno studio accurato delle fonti di Granucci; problematizza l’atmosfera moralistica che permea l’opera, alla luce dell’influenza esercitata dal clima controriformistico; fornisce un esame attento dei motivi narrativi e della “civile conversazione”, ponendoli in relazione con la restante produzione granucciana. Quest’edizione rivela così i molteplici elementi di interesse della Piacevol notte e ’l lieto giorno sia nel contesto della tradizione novellistica sia all’interno del panorama letterario e storico-culturale dell’Italia cinquecentesca. 

INDICE

Palma Flavia

E’ assegnista di ricerca di Letteratura italiana presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Ha conseguito nel 2017 il Dottorato di ricerca in Studi filologici, letterari e linguistici e la congiunta certificazione di Doctor Europaeus presso l’Università degli Studi di Verona, dove ha svolto in seguito incarichi come assegnista e professoressa a contratto. Le sue ricerche sono incentrate sulla novellistica italiana di età medievale e rinascimentale, di cui indaga anche la ricezione europea. Si interessa inoltre delle opere in volgare di Giovanni Boccaccio e della loro fortuna nel Rinascimento. Un ulteriore ambito dei suoi studi è rappresentato dalla produzione letteraria di Niccolò Granucci. Si occupa infine di giornalismo settecentesco, analizzando le presenze letterarie italiane nel Journal étranger. È autrice di svariati articoli e della monografia Novelle, paratesti e cornici. Novellieri italiani e inglesi tra Medioevo e Rinascimento (Firenze, Cesati, 2019). 


POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

CULTURA UMANISTICA E SAPERI MODERNI