Banner OpenAccess
Banner Torrossa

Ateneo di Naucrati Deipnosofisti (Dotti a banchetto) Libro V

Burzacchini Gabriele (curatore) - Burzacchini Gabriele (traduttore)
Ateneo di Naucrati Deipnosofisti (Dotti a banchetto) Libro V
ISBN/EAN: 9788855533690
Pubblicazione: 2017
Pagine: 240
Formato: 17 x 24
Acquisto carta

Quantità:

Ateneo di Naucrati Deipnosofisti (Dotti a banchetto) Libro V

Il curatore del presente volume, insigne grecista già docente presso gli Atenei di Bologna, Cagliari e Parma, offre un’eccellente rivisitazione di uno dei libri più intriganti dell’opera di Ateneo di Naucrati, esponente di spicco della cultura antiquaria e letteraria di lingua greca tra II e III secolo d. C., autore del più straordinario e affascinante scrigno di citazioni poetiche e prosastiche da autori noti ed ignoti, nel contesto elegante e raffinato di un immaginario incontro di sapienti a convito.   

Una delle principali ragioni dell’interesse del V libro consiste nelle cospicue fonti, direttamente riprese o mediate, consistenti in preziosi excerpta a volte anche di notevoli dimensioni: da Platone e Senofonte, dal poligrafo Erodico di Babilonia, dagli storici Polibio, Posidonio, Callissino, Moschione, dallo stesso Ateneo (Sui re di Siria), dallo zoologo Alessandro di Mindo; vi si incontrano, inoltre, innumerevoli citazioni da poeti, a partire da Omero ed Esiodo, con saltuarie incursioni in ambito lirico, tragico e comico, fino ad arrivare a peculiari componimenti d’età ellenistica, come un epigramma di Archimelo, un frammento esametrico adespoto su Aspasia, Socrate e Alcibiade, un epigramma antiaristarcheo del già menzionato Erodico, un paio di frammenti del giambografo Parmenone di Bisanzio ed altro. Il pregio letterario del libro non si riduce al solo ruolo di opera testimone di scritti altrui: un’analisi attenta e spassionata consente di apprezzare la qualità artistica dell’insieme, sapientemente calibrato e organizzato dallo scaltrito dotto di Naucrati secondo un piano originale e suggestivo. Un punzecchiante frammento del comico Anassandride conclude, ammiccando, il libro in esame.

La traduzione, puntuale e rigorosa, è condotta sul testo canonico del Kaibel, riprodotto a fronte. Le copiose note giovano alla comprensione dei più vari aspetti e problemi dell’opera. Il libro è corredato da una ricca e aggiornata bibliografia.

INDICE

Premessa -  Riferimenti Bibliografici - Libro V traduzione e note.

Burzacchini Gabriele

(Concordia s. Secchia, MO 1941) si è laureato a Bologna nel 1964 con una tesi su La posizione dialettale del miceneo (relatore Luigi Heilmann); successivamente, dopo anni di insegnamento liceale, è stato Associato di Storia della Lingua Greca presso l’Alma Mater (1985-1994), Straordinario di Filologia Greca a Cagliari (1994-1997), Ordinario di Letteratura Greca a Parma (1997-2012). Si è occupato di lirica greca, teatro tragico, epigramma ellenistico e imperiale, Ateneo di Naucrati, lessicografia greca, influssi della letteratura greca su quella latina, storia della filologia classica, scritti latini e greci di Lodovico Antonio Muratori. Tra i suoi lavori si segnalano Cicerone. Le discussioni di Tuscolo, I-II (con L. Lanzi), Bologna, Zanichelli, 1980-1981; Lirici greci. Antologia (con E. Degani), Bologna, Pàtron, 20052; Studi su Corinna, Bologna, Pàtron, 2011; Ateneo di Naucrati. Deipnosofisti, Libro V, Bologna, Pàtron, 2017; Letteratura greca e papiri: recuperi affascinanti e clamorose novità, Modena, Acc. Naz. di Sc. Lett. e Arti, 2018; Temi e motivi della follia nella lirica e nella tragedia greca, Bologna, Pàtron, 2018. È Condirettore della rivista «Eikasmós. Quaderni Bolognesi di Filologia Classica».


Burzacchini Gabriele

(Concordia s. Secchia, MO 1941) si è laureato a Bologna nel 1964 con una tesi su La posizione dialettale del miceneo (relatore Luigi Heilmann); successivamente, dopo anni di insegnamento liceale, è stato Associato di Storia della Lingua Greca presso l’Alma Mater (1985-1994), Straordinario di Filologia Greca a Cagliari (1994-1997), Ordinario di Letteratura Greca a Parma (1997-2012). Si è occupato di lirica greca, teatro tragico, epigramma ellenistico e imperiale, Ateneo di Naucrati, lessicografia greca, influssi della letteratura greca su quella latina, storia della filologia classica, scritti latini e greci di Lodovico Antonio Muratori. Tra i suoi lavori si segnalano Cicerone. Le discussioni di Tuscolo, I-II (con L. Lanzi), Bologna, Zanichelli, 1980-1981; Lirici greci. Antologia (con E. Degani), Bologna, Pàtron, 20052; Studi su Corinna, Bologna, Pàtron, 2011; Ateneo di Naucrati. Deipnosofisti, Libro V, Bologna, Pàtron, 2017; Letteratura greca e papiri: recuperi affascinanti e clamorose novità, Modena, Acc. Naz. di Sc. Lett. e Arti, 2018; Temi e motivi della follia nella lirica e nella tragedia greca, Bologna, Pàtron, 2018. È Condirettore della rivista «Eikasmós. Quaderni Bolognesi di Filologia Classica».


POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

EIKASMOS QUADERNI BOLOGNESI DI FILOLOGIA CLASSICA. STUDI

VOLUMI DELLO STESSO AUTORE