login
  http://patroneditore.com

via Badini 12 - Quarto Inferiore - 40057 Granarolo dell'Emilia - Bologna
Telefono: +39 051 767003 Fax: +39 051 768252
P.Iva IT00599901204 - Registro delle Imprese Bologna 03162660371

  Trova per:
  Autore o Titolo
  Collane
  Materia
  Riviste
  Newsletter
  Contatti
 
ISBN 9788855534246
formato 17 x 24
pag. 268
anno 2018
Vostro prezzo € 30.00
Mioli P. (a cura di)
Felsina cantatrice. La musica a Bologna e in Accademia fra il 1666 e il 1716
Materia: Musica
Libreria Filarmonica. Nuove pubblicazioni della R. Accademia Filarmonica di Bologna  n. 11

Sommario:

Loris Azzaroni: Presentazione
Introduzione. Le Muse in cattedra
Il programma del convegno
Il programma del concerto
Filarmonica e Filarmonici:
Giuseppe Verdi, Vicende d'archivio e biblioteca;
Romano Vettori, Fra capitoli, costituzioni e statuti. Nascita e crescita dell’Accademia con uno sguardo sulle prime musiche filarmoniche;
Ida Zanini,
Gli aggregati dagli elenchi d’epoca al “formato” d’oggi (1666-2012);
Franco Dell’Amore
, La vita di Pier Francesco Tosi musico, trattatista e diplomatico;
Pier Paolo Scattolin, Curiositā di scrittura nell’opera di Milanta, maestro di S. Biagio a Cento;
Annarosa Vannoni, Bertalotti e il manoscritto FS AP 8 del Conservatorio di Bologna.
Basiliche e Botteghe:
Daniele Pascale, Guidotti Magnani, Spazi plurali per la musica sacra;
Elisabetta Pasquini, Messe e salmi per S. Petronio: Idola Theatri da ridimensionare?
Lars Magnus Hvass Pujol, Funzioni in musica nei Diari del sagrista della cattedrale di S. Pietro in Bologna
(1584-1777);
Ivano Bettin, Per maggior decoro della nostra chiesa. La cappella musicale di S. Francesco tra
il 1666 e il 1716;
Giulia Giovanni, Gli editori musicali bolognesi e l’Accademia nei suoi primi anni;
Mariarosa Pollastri, Il “fiorire” delle botteghe liutarie a Bologna.
Generi e strumenti:
Mario Baroni, Le cantate di Domenico Gabrielli e i mutamenti di stile e pensiero fra Sei e Settecento;
Sara Dieci, Acque, cardinali e condegne cantate;
Piero Mioli, Musica, scena e allegoria. Le “persone” del prologo nel dramma per musica del Sei-Settecento;
Paolo Paolini, Soavi concenti e armoniosi concerti sulla chitarra spagnuola;
Giacomo Tesini, Corelli e oltre. Del violinismo bolognese;
Luca Della Libera, Alessandro Scarlatti, Gregorio Allegri e il Miserere rifiutato.
Divertissement:
Piero Mioli, Arcate transalpine. Bach il grande e Gabrielli il primo sulle corde di violoncello e
Violoncino.

Presentazione:

Per raccontare la storia della musica d'arte nell'antica Bologna, l'Accademia Filarmonica ha cercato parole apposite: Felsina, il primo nome della cittā, e il suo canto, la sua capacitā di far canto e suono. Dunque Felsina cantatrice č un libro che in 18 articoli parla dell'Accademia e dei suoi Filarmonici, della musica che si faceva in chiese come S. Petronio e S. Francesco, dei "professori" e dei costruttori di strumenti musicali, di generi diversi come la cantata, la sonata, l'opera, l'oratorio, e cerca di spingersi fino alla capitale dell'allora Stato della Chiesa. Perché il periodo trattato č molto preciso: va dal 1666, quando l'Accademia fu fondata, al 1716, esattamente 300 anni prima del convegno di studi che ha dato origine al volume. Diciotto studiosi hanno lavorato all'impresa, fra cui il curatore che alla fine si č permessa anche una "fantasia" storica. Ancora sul titolo: nel 1678 a Bologna si pubblicō una Felsina pittrice dove Carlo Cesare Malvasia faceva la storia della pittura cittadina. E senza dubbio la musica e la pittura sono i due "soli", come asserisce il curatore, che in epoca barocca hanno illuminato la cittā con la stessa luce dei maggiori centri del mondo.

Pàtron editore S.r.l.
tel. 051 767003 - fax 051 768252
info@patroneditore.com
Termini di utilizzo  |  Privacy  |  Accessibilità  © Pàtron editore Bologna. Tutti i diritti sono riservati