login
  http://patroneditore.com

via Badini 12 - Quarto Inferiore - 40057 Granarolo dell'Emilia - Bologna
Telefono: +39 051 767003 Fax: +39 051 768252
P.Iva IT00599901204 - Registro delle Imprese Bologna 03162660371

  Trova per:
  Autore o Titolo
  Collane
  Materia
  Riviste
  Newsletter
  Contatti
 
ISBN 9788855533720
formato 17 x 24
pag. 464
anno 2017
Vostro prezzo € 42.00
Budriesi L.
Michel Leiris. Il teatro della possessione
Materia: Antropologia
Collana di antropologia delle religioni  n. 3

Sommario:

Introduzione -  La formazione: “Bambino di rimpiazzo” - momenti della formazione e rapporto con il teatro - i primi passi dell’etnologia francese sul terreno: l’Institut d’Ethnologie dell’Università di Parigi - un incontro della vita: Leiris e Griaule a “Documents” - l’Abissinia di Griaule e i “suoi” zar - alla vigilia della spedizione Dakar-Gibuti, L’occhio dell’etnografo: l’Africa immaginata - L'Africa fantasma: un diario lungo la vita: la missione Dakar-Gibuti (1931-1933) - i primi risultati della missione: il contributo di Leiris a “Minotaure” e il “metodo Griaule” - il sacrificio di un toro allo zar Seyfou Tchenger - l’Africa fantasma cos’è questo diario? - progetti di Premessa 1932 e Premessa a L’Africa fantasma 1934 - articolazione del diario - Gondar con le possedute - Africa fantasma e Abissinia intima - torce d’uomini: l’“Abissinia di Griaule” - Il mestiere di etnologo. Gli anni Trenta: gli studi universitari e l’impegno politico - il culto degli zar a Gondar: riflessioni dopo il ritorno - un rito notturno per allontanare gli spiriti maligni - la sottomissione allo zar : gurri e sacrificio - Haiti, nuovo teatro della possessione: la missione in Costa d’Avorio e una digressione su autobiografia e corrida - Aimé Césaire e il viaggio alle Antille - con Alfred Métraux nei santuari del vodu -  Antille: la “poesia dei crocicchi” - i contributi sul vodu: un appuntamento mancato? - l’etnologo impegnato - La possessione e i suoi aspetti teatrali presso gli Etiopi di Gondar e altri saggi (1958-1974): conversione al verismo e ritorno al teatro lirico - il tentato suicidio tra letteratura, teatro e fallimento del dire tutto - il teatro della possessione in Métraux e in Leiris: un percorso comune - biografia di un posseduto: Il chierico Mazmur e altri scritti - dalla possessione come teatro vissuto a studi recenti sugli stati modificati di coscienza - Gli anni Ottanta: il distacco: ritorno a Gondar - colmare il vuoto - con Gilbert Rouget su musica, trance e opera lirica - ripensando a L’Africa fantasma - il commiato dall’etnologia: Abba Jérôme, il maestro degli zar - Leiris e gli zar a teatro: Conclusione - Bibliografia - opere di M. Leiris - opere su M. Leiris - opere generali - indice dei nomi.

Presentazione:

Michel Leiris: il teatro della possessione, analizza l’incontro tra il letterato/autobiografo, poeta ed etnologo (Parigi 1901-1990) e i culti di possessione, attraverso la lente della performatività. Dopo averne presentato gli scritti etnologici, Laura Budriesi si addentra qui nel suo percorso a più dimensioni, dall’infanzia tormentata fino al congedo con la scrittura. Esamina i motivi e gli esiti del viaggio in Africa - “una caccia senza prede al di fuori di ombre” - (missione Dakar-Gibuti, 1931-1933). Memoria mai appannata quella dell’esperienza vissuta accanto alla confraternita di Gondar. Vera trance da possessione o semplicemente teatro della possessione quello dei posseduti di Gondar? Il quesito “leirisiano” va riformulato alla luce di un’estetica del performativo che rifletta sulle ragioni dell’efficacia, sul potere trasformativo che necessariamente consegue l’assunzione di ruoli altri, di un “agire” che è un eseguire, un ri-fare (un re-enactment). La modernità di Leiris etnografo risiede nella non celata soggettività autoriale e nell’aver posto in primo piano la dimensione “rappresentazionale” dei culti come modalità di “conoscenza incarnata”. Performance Studies e neuroscienze si interessano oggi all’incorporazione dei saperi, alla performance come sistema di “apprendimento, immagazzinaggio e trasmissione del sapere”, oltre la scrittura e i confini dell’epistemologia occidentale. 

Pàtron editore S.r.l.
tel. 051 767003 - fax 051 768252
info@patroneditore.com
Termini di utilizzo  |  Privacy  |  Accessibilità  © Pàtron editore Bologna. Tutti i diritti sono riservati